Perché i giochi anche al Cons? Critiche dall’Anis

All’Anis, fautrice dell’ingresso nella gestione dei giochi della Camera di Commercio, non piace la frammentazione delle assegnazioni e, in particolare l’assegnazione al Cons.
Carlo Giorgi, Direttore dell’Anis precisa: Avevamo fatto presente che preferivamo una gestione privata, ma una sola. E aggiunge: Non è detto che ci daranno da mangiare a tutti; è necessario uno sforzo di diversificazione, i costi si devono moltiplicare per cinque’. Infine una stoccata: perché il Cons? Il Cons non appariva nemmeno tra i 24 condidati che avevano fatto domanda al governo.

Al Presidente dell’Anis, Pier Giovanni Terenzi, non piace l’idea di insegnare ai ragazzi dediti allo sport che i soldi arrivano in modo facile con i giochi della sorte.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy