Prestiti e favori, chiarezza anche in commissione di inchiesta?

Prestiti e favori, chiarezza anche in commissione di inchiesta?

Civico 10 e Rete sono già circa il 30% dei consiglieri, il che significa, se si prendono per assodate le loro uscite pubbliche che li hanno visti chiamarsi fuori dalle affermazioni di Ambrogio Rossini, che ad avere avuto favori e prestiti senza garanzie dalle banche sono già meno di quell’80% di politici ventilato dal patron di Bac.

Inoltre C10 invita a fare nomi, a denunciare e a non generalizzare, e altrettanto lascia intendere Rete. C’è allora da aspettarsi che gli esponenti dei due movimenti siano pronti a prendere posizioni importanti laddove i nomi siano stati o verranno fatti.

L’occasione si è recentemente manifestata nella Commissione di inchiesta sul Cis e sulle crisi bancarie, con l’istanza presentata da Grandoni che è stata, sì, liquidata come irricevibile, ma per un paio di nomi dei problemi oggettivi li pone.

Vista la presa di posizione pubblica dei due movimenti, c’è quindi da aspettarsi che i loro esponenti in quella sede non chiudano gli occhi verso la compatibilità di quei commissari per i quali vengono indicate pendenze o rapporti. 

D’altra parte, se fossero verificati debiti nei confronti del patron di Banca Cis e richieste di raccomandazioni allo stesso ingegnere da parte di qualcuno dei commissari, come potrebbero far finta di niente gli altri che hanno pubblicamente preso una posizione così determinata?

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy