Rimini. Bufera sugli sconti sui maxi canoni per i pertinenziali. Nuovo Quotidiano di Rimini

Nuovo Quotidiano di Rimini: Sui media nazionali infuria la polemica, ma dai parlamentari locali e dal sindaco arriva la difesa del provvedimento approvato. Strada in discesa per il nuovo lungomare / “Giusta la soluzione sui maxi canoni” / Contenziosi chiusi versando il 30% del dovuto / Gnassi: “Ora può aprirsi il capitolo riqualificazione”

RIMINI – (ag) La spiaggia scotta, anche in inverno. E’ bastato che alla Camera, dove è in fase di approvazione la Legge di stabilità, passasse l’emendamento volto a risolvere la questione dei canoni cosiddetti pertinenziali, che di nuovo si è alzato il polverone delle polemiche al grido di “abbasso la sanatoria per i bagnini”, “dal governo maxi sconto ai balneari”. In effetti lo sconto c’è stato, ma riguarda non tanto i bagnini (la questione che loro interessa, quella delle concessioni, viene demandata ad altra fase), quanto i titolari delle attività (bar, ristoranti) che insistono sul demanio e che in virtù di una legge approvata nel 2007 (epoca Governo Prodi) si sono trovati a dovere versare allo Stato non più gli esigui (in effetti anche troppo) canoni pertinenziali, ma maxi canoni maggiorati d’un colpo solo con l’aggiunta di uno o due zeri. Dalle nostre parti, e cioè in provincia di Rimini, i casi sono una trentina. Nella sola Rimini circa 15 (tra i più noti quelli della zona porto), mentre gli altri sono tra Riccione e Cattolica (ad esempio il ristorante da Fino). Gli esercenti sono stati chiamati a versare allo Stato cifre anche superiori ai centomila euro. E sono partiti i contenziosi. In questi giorni alla fine una prima soluzione alla vicenda grazie all’ok all’emendamento inserito nella Legge di stabilità. (…)

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy