Rimini, bufera sui projects del lungomare: botta e risposta fra Lombardi e il Comune

Marco Lombardi, candidato alla Presidenza della Provincia di Rimini per il centrodestra, alla lettura dei risultati della commissione esaminatrice dei project financing – Coopsette e Jean Nouvel favoriti rispetto a Altieri-De Smedt – ha affermato in una nota che “l’esito era prevedibile” e che, sopratutto, non è d’accordo “sul prezzo che la città dovrà pagare per avere tutto questo”.
A stretto giro di posta è arrivata la replica del Comune di Rimini che ha duramente ripreso Lombardi accusandolo di strumentalizzare la polemica a fini elettorali e di non conoscere appieno le carte: dire che l’esito era “largamente prevedibile già in partenza non solo risulta una sciocchezza in termini perché allo stato non c’è alcun ‘esito’ ma è offensivo ed infamante verso il lavoro e la professionalità dei direttori e dei dirigenti comunali che compongono la Commissione giudicatrice i quali naturalmente hanno la possibilità di tutelarsi in ogni sede”.
Critiche sui project nella giornata di ieri sono piovute anche da Maurizio Ermeti del Piano strategico di Rimini, e dall’ordine degli Ingegneri di Rimini. Proprio Ermeti ritiene necessario un confronto con il Piano Strategico, cosa peraltro già affermata dal Comune di Rimini nella nota diffusa alla stampa martedì.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy