Rimini. Crisi economica e maltempo: Turismo, una ‘Caporetto’. Corriere Romagna

Corriere Romagna: Crisi economica e maltempo, la Provincia divulga i dati dei primi cinque mesi dell’anno. «I numeri confermano i timori» /
Turismo, una “Caporetto” /
Crollo da gennaio a maggio: arrivi meno 6,1% e presenze meno 5,9

RIMINI. La crisi e il maltempo, l’estate che non parte, il nubifragio che fa il resto. Morale? La riviera delle vacanze batte in testa: meno 5,9 per cento nelle presenze dei primi cinque mesi dell’anno (11,1 sul fronte italiani). Una buona notizia? Gli stranieri aumentano. E i russi dilagano. Il quadro viene disegnato dalla Provincia, dall’assessore al turismo Fabio Galli (Pd).
I dati. L’assessore regionale al turismo Maurizio Melucci, aveva avvertito: la crisi economica rischia di scaricarsi sull’industria delle vacanze. «I numeri confermano questi timori» spiega Galli.
Dopo una trimestrale gennaio-marzo cautamente incoraggiante, i dati gennaio-maggio attestano un calo del 6,1% degli arrivi e del 5,9% delle presenze. A determinare tale flessione i 60 giorni tra aprile e maggio che registrano decrementi evidenti, non tanto sul segmento estero (che anzi «chiude il parziale dei cinque mesi con + 9% negli arrivi e + 5,5% nelle presenze, con una incoraggiante ripresa del mercato tedesco e un altro salto in avanti di quello russo») ma su quello nazionale, che tradizionalmente rappresenta oltre i trequarti del totale.
Gli arrivi italiani, nel periodo gennaio-maggio, diminuiscono del 10,4% mentre le presenze dell’11,1%.
«Tengono i flussi dall’Emilia Romagna, si abbassano quelli della Lombardia e del Veneto – precisa Galli -. A questo punto dell’anno, seppur il dato sia ovviamente privo della stagione estiva, le presenze russe (212.104, + 10% sul 2012) sono seconde in assoluto, dietro per un soffio alla sola Emilia Romagna (213.128). Quelle tedesche (164.990, + 39,3% sull’anno precedente) sono al quarto posto assoluto. Peraltro andrebbe ancora una volta rimarcato adeguatamente come in contrazione proporzionale al segmento italiano delle presenze russe e tedesche, veicolate a Rimini soprattutto grazie allo scalo aeroportuale, ci troveremmo a commentare una situazione ai limiti dell’allarme rosso».
(…)

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy