Rimini e San Marino aspettano Lolli. Lolli – alza il prezzo? – e dice …

Sembra che Giulio
Lolli
  voglia alzare il più possibile il prezzo di un suo eventuale rientro  dalla Libia per mettersi a disposizione dei tribunali e di Rimini e di San Marino, a quanto si legge di in un articolo di Monica Raschi,  Il Resto del Carlino.

Titolo: Monica Raschi di Il Resto del Carlino: Pirata in fuga. Giulio Lolli interviene dopo l’intervista  del ‘Carlino’«In Libia sono libero e mi mantengo grazie a un lavoro onesto e regolare» / Latitante. Ma nessuno è convinto che l’imprenditore sia intenzionato a rientrare

«Sto bene e mi mantengo grazie a un onesto e regolare lavoro». Giulio Lolli, non perde una parola delle notizie che lo riguardano e, dopo aver letto attraverso Internet, l’intervista rilasciata al Carlino dal suo avvocato, Antonio Petroncini di Bologna, ha voluto inviare alcune precisazioni che lo riguardano anche relative alla sua posizione nello stato libico. «Risiedo in Libia in forza di regolare titolo ed in stato di libertà e ciò in forza — sottolinea — di una decisione giudiziale emessa dalla magistratura libica. Tale decisione non è definitiva, in quanto dovrà essere oggetto di successiva valutazione ed eventuale conferma da parte di apposito organo giudiziario libico, ma è al momento valida ed esecutiva». Lolli si ferma a queste poche precisazioni che non tolgono la curiosità di chi segue la sua avventurosa vicenda da quando ha fatto perdere le sue tracce, ormai oltre un anno e mezzo fa.

(…) Ma Lolli, si sa, è uomo astuto e dalle più svariate capacità, soprattutto se corrisponde al vero che ha partecipato alla rivoluzione libica non appena uscito dal carcere, al fianco degli insorti che hanno poi abbattuto il regime di Gheddafi. E in un Paese da ricostruire c’è tanto da fare per un uomo ‘intraprendente’.

(…) Ma non esclude di potersi presentare spontaneamente in Italia, questo soprattutto per il fatto che da troppo tempo è lontano dalla sua famiglia. Un’affermazione che ha suscitato sorpresa e perplessità: sono in molti a non credere alle sue parole e a pensare che Lolli non rientrerà mai più in Italia: troppe le ipotesi di reato che pendono sul suo capo.

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy