Rimini. Giovane napoletano stroncato da un’overdose di Mdma nella notte di Capodanno. Corriere Romagna

Lucia Paci – Corriere Romagna: L’uomo, Diego Valese, era arrivato assieme a tre amici da Napoli per festeggiare il Capodanno. I carabinieri non stanno cercando uno spacciatore /
Overdose, trovato morto in albergo /
A stroncare il 32enne una dose di Mdma. Il cadavere rinvenuto ieri in una stanza a Miramare

RIMINI. Morto in albergo dopo i festeggiamenti del Capodanno. Diego Valese, 32enne originario di Napoli, è stato trovato dai carabinieri, ieri mattina intorno alle 7, in un hotel di Miramare dove alloggiava in compagnia di tre amici. A stabilire le cause del decesso sarà l’autopsia disposta dal pm di turno ma da un primo accertamento, a stroncare l’uomo sarebbe stata un’overdose di metanfetamina, in gergo Mdma, una droga che negli ultimi anni sta mietendo tante giovani vittime. Dalle prime indiscrezioni emerse dopo aver sentito i tre accompagnatori, non si esclude che la droga fosse stata portata per l’ultimo dell’anno. I militari sono infatti al lavoro per ricostruire le ultime ore di vita dell’uomo e non sarebbero sulle tracce di alcuno spacciatore.
I quattro napoletani erano arrivati da Napoli il 31 dicembre, a bordo di un pullman con 51 persone, per festeggiare il Capodanno in riviera. Dopo il veglione di San Silvestro, i campani hanno passato anche la nottata successiva in giro per per locali per prolungare i festeggiamenti. Quando il gruppo è rientrato in albergo, ieri intorno alle 4.30, Valese è salito in camera da letto prima degli altri, mentre gli amici si sono trattenuti nella hall prima di mettersi a dormire. Probabilmente Valese aveva già iniziato ad accusare qualche malore e aveva preferito mettersi a letto prima degli altri. Il ragazzo che divideva la camera con lui è salito quasi un’ora più tardi: ha visto l’amico riverso sul letto e si è subito accorto che stava molto male. Dal momento che non si riprendeva ha chiamato il 118.
(…)


Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy