Rimini: Gnassi ha speso 188mila euro per campagna elettorale

Il quotidiano “Il Sole 24 Ore” ha stilato una classifica sui costi sostenuti dai sindaci e dalle loro coalizioni nell’ultima campagna elettorale.

Il Sindaco riminese Andrea Gnassi ha sborsato per la sua campagna elettorale 103mila euro, 71 centesimi per ogni cittadino di Rimini.

Se venisse considerato il costo complessivo dell’operazione mediatica, Gnassi salirebbe al terzo posto del podio dietro al sindaco di Bologna (188mila euro spesi) e al collega di Grosseto, Emilio Bonifazi.

La classifica si basa invece sul costo pro-capite della campagna elettorale quindi al primo posto c’è Giovanni Gaspari, sindaco di San Benedetto del Tronto, che ha speso solo 72mila euro ma il costo ha gravato su ogni cittadino 1,49 euro.

Gnassi, invece, è al quarto posto al centro nord.

Il primo cittadino più economico è Luciano Bacchetta, sindaco di Città di Castello (in provincia di Perugia): con i suoi 5mila euro di spesa, ogni abitante ha sborsato 12 centesimi di euro.

L’obbligo di presentare preventivi e consuntivi riguarda solo i candidati dei comuni con più di 50.000 abitanti.

A Rimini il candidato dell’opposizione Gioenzo Renzi non ha inviato il consuntivo, ma solo il preventivo di 40.000 €.

Fonte: “Il Corriere di Romagna”

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy