Rimini. I vigili del fuoco sempre più precari: si aspetta che da Roma stanzino i soldi. Corriere Romagna

Simone Mascia – Corriere Romagna: Vigili del fuoco in trincea ma senza soldi /
Protesta della Cgil: «Costretti a fare i salti mortali». Carenza di personale: la notte una sola squadra /
Mezzi fermi da riparare, soldi che non arrivano da Roma, benzina a credito e bollette da pagare

RIMINI. Camion in officina in attesa di trovare i soldi per le riparazioni. Ma anche jeep e altri mezzi per i primi interventi bloccati da mesi nelle caserme. Attrezzature arrivate con anni di ritardo. Bollette da pagare. E benzina presa a credito. I vigili del fuoco sempre più precari: «Primi a intervenire, ultimi a essere aiutati». La situazione non è delle più semplici. Anzi. Abituati a spegnere gli incendi, con la crisi che divampa è comunque difficile fare i conti. Tra le caserme di Rimini, Novafeltria e Cattolica, passando anche per la sede dell’aeroporto a Miramare, la fotografia è infatti abbastanza inquietante. «Abbiamo numerosi veicoli che ci servirebbero e sono invece bloccati: o per piccole manutenzioni o per grossi interventi». Comunque sia, spiega Roberto Franca, rappresentante regionale di categoria della Cgil, «il problema è che non abbiamo i fondi e siamo costretti a fare i salti mortali». Nessuna inclinazione al vittimismo, ma l’elenco dei mezzi fermi è lungo. Da segnalare il camion Mercedes che servirebbe per interventi quotidiani: il motore è da rifare e servono circa 50 mila euro. Parcheggiato da tempo all’officina Safety car di via Casalecchio, si aspetta che da Roma stanzino i soldi per la riparazione. Ma ancora, da mesi, tutto tace. (…)


Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy