Rimini. L’accoltellatore di Marina centro «Mi sono difeso»

L’accoltellatore di Marina centro «Mi sono difeso»

«Ho usato il coltello solo per difendermi, quei ragazzi mi avevano aggredito con dei bastoni». Si è difeso così, durante l’interrogatorio di garanzia, il 30enne albanese arrestato venerdì scorso dai carabinieri. L’uomo è accusato del tentato omicidio di un 38enne italiano, aggredito con due coltellate al termine di una lite scoppiata in un bar di via Giusti. Il gip ha convalidato l’arresto del 30enne, difeso dall’avvocato Umberto De Gregorio. L’uomo resta in carcere. Durante l’interrogatorio è stato collaborativo e ha ricostruito l’accaduto e i motivi della feroce discussione che ha coinvolto lui e altre tre persone, tra cui il 38enne. Dopo essere stato aggredito una prima volta dal terzetto, l’albanese – questa la sua versione – è corso a casa a prendere un coltello, tornando in via Giusti è stato di nuovo preso di mira dai rivali, armati di bastoni. A quel punto, ha raccontato al giudice, ha tirato fuori la lama (…)

Articolo tratto da Resto del Carlino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy