Rimini. Madre e figlia tentano il suicidio. Corriere Romagna

Corriere Romagna: Dramma della disperazione. Mix di sonniferi e antidepressivi, in un biglietto il doloroso addio: «Perdono, così non è più vivere» / Mamma e figlia tentano il suicidio / La donna più giovane muore, l’altra è grave: si erano ritrovate senza lavoro e senza casa

RIMINI. «Perdono, non ce la faccio più a vivere così». Senza lavoro, senza casa, senza una relazione stabile in una terra straniera che non ha mantenuto le promesse di benessere e felicità. Una donna di quarantadue anni si è suicidata e la la madre 65enne ha tentato a sua volta di uccidersi con le stesse modalità (antidepressivi e sonniferi), ma è stata salvata in extremis: le sue condizioni sono gravi. Se ce la farà a riprendersi potrà spiegare quello che è successo nella stanza che dividevano, temporaneamente, nell’abitazione del padre di una loro amica. Non è escluso, infatti, che abbiano progettato di farla finita assieme. La tragedia si è consumata in una palazzina nella zona di via Bologna, non lontano dal lungomare.

Le due donne, originarie dell’Uzbekistan, avevano vissuto a Santarcangelo, nella casa del convivente della 42enne. Alla fine della loro relazione, però entrambe avevano dovuto trovarsi una nuova sistemazione. La faccenda si è fatta più complicata del previsto, anche perché a maggio la più giovane ha perso il lavoro e, nonostante i tentativi di trovare un impiego aveva trovato solo porte chiuse. Anche la sessantacinquenne aveva fatto dei tentativi, ma aveva ricevuto solo promesse. (…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy