Il Sert di Rimini lancia l’allarme: «Mix di alcol e droga, in coma etilico a 13 anni»

Il direttore Vignoli: “Dopo un decennio di prevenzione nelle scuole, il Covid ci ha riportati indietro”.

ADRIANO CESPI – In coma etilico già a 13 anni. Dopo mix esplosivi di gin, vodka e droga. E spesso dipendenti dal gioco d’azzardo online. È il quadro desolante della generazione 2000. Ragazzi nati in pieno XXI secolo e costretti a vivere una pandemia devastante accompagnata da una guerra a due passi da casa. Spiega il direttore dell’Unità operativa dipendenze patologiche del Sert di Rimini, Teo Vignoli: “Dopo un decennio in cui le politiche di prevenzione nelle scuole e nei luoghi del divertimento avevano allontanato i minori dall’alcol, il Covid ci ha riportati indietro di anni”. Rapporti sociali azzerati durante i lockdown, distanziamento sociale e didattica a distanza, con genitori al lavoro in presenza e case vuote, hanno, infatti, caratterizzato questi ultimi due anni. “Questo disequilibrio insieme alla percezione generale di insicurezza per il futuro – sottolinea preoccupato Vignoli – sono risultati particolarmente distruttivi per i giovani ancora in crescita. Talmente devastanti da provocare in loro un forte malessere che si è manifestato con un abbassamento dell’età di assunzione di alcolici e uno sviluppo del binge drinking (assunzione di elevate quantità di alcol in poche ore, ndr) tra i minorenni, ma anche nella fascia 18-24 anni, e con aumento degli accessi in pronto soccorso a causa del poliabuso di alcol insieme a cannabinoidi e, a volte, anche ad altre sostanze stimolanti come la cocaina”. (…)

Articolo tratto da Corriere Romagna

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy