Rimini, Pd nella bufera: si è dimesso Luigi Bonadonna

Luigi Bonadonna si è dimesso sabato scorso da segretario comunale del Pd lamentando le eccessive liste nate a sostegno di Vitali e la scarsa attenzione agli ex Margherita all’interno del Pd, anche nella composizione dei nomi dei candidati per coprire i 12 collegi di Rimini alle prossime elezioni.
Un terremoto politico senza precedenti in vista delle lezioni proviciali prossime – che rende ragione di un Pd in grave difficoltà – commentato dal leader provinciale del Pd, Andrea Gnassi, come frutto di un eccessivo stress.
Subito in una lettera Alberto Ravaioli, Elisa Marchioni, Roberto Piva e Stefano Vitali hanno chiesto a Bonadonna di tornare sui suoi passi, ma oggi sulla stampa lo stesso ex segretario comunale afferma che non farà marcia indietro, lanciando accuse a Gnassi.
“A 20 anni dalla caduta del Muro di Berlino, Gnassi pensa che valga ancora il principio sovietico per cui chi dissente dalla linea è uno stressato da Gulag”.
Bonadonna non le manda a dire a Gnassi e pur ringraziando i quattro firmatari della lettera in suo favore afferma che non si tratta di “malessere personale”, ma di decisione politica molto precisa.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy