Rimini. Vigilanza intensificata nei punti sensibili. Il Resto del Carlino

Il Resto del Carlino: Allerta in chiese e centri commerciali / intensificata la vigilanza nei punti sensibili dopo le stragi delle ultime settimane / La stazione, l’aeroporto e il porto sono presidiati dalle forze dell’ordine e dai soldati per l’allerta terrorismo

L’ALLERTA terrorismo islamico è massima, livello due, come in tutta Italia. Dalla strage alla redazione parigina del settimanale ‘Charlie Hebdo’ del gennaio 215, quel livello non si è mai abbassato. E gli attacchi, sparsi per l’Europa e rivendicati dall’Isis o dalla Daesh, che dir si voglia, si sono moltiplicati. Da diciannove mesi è in vigore l’ordinanza, emessa dal questore di Rimini, Maurizio Improta, in cui viene disposta la massima intensificazione di vigilanza e la prevenzione di tutti gli obiettivi ritenuti a rischio. Un’ordinanza che viene costantemente aggiornata, ogni settimana, con nuovi obiettivi sensibili. (…)

L’attenzione è massima perché le ultime stragi, messe in atto fra la Francia e la Germania, hanno portato alla ribalta un nuovo terrorismo di matrice islamica, il cosiddetto ‘lupo solitario’ che colpisce in nome dell’Isis, senza un vero e proprio addestramento, tra la folla. Così sono diventati obiettivi sensibili tutti i luoghi di aggregazione come i centri commerciali, gli stadi o le arene dove si tengono i concerti o le grandi manifestazioni all’aperto, dalla ‘Molo Street Parade’ alla prossima ‘Summer Pride’. Tutto può trasformarsi in un bersaglio: Francia, Belgio e Germania insegnano. E sul fronte investigativo l’attività prosegue a ritmo serrato: la Digos in collaborazione con l’Ucigos e la Distrettuale di Bologna, tiene sotto osservazione ogni possibile movimento sospetto, compresa la Rete, che è la nuova, potente arma del terrorismo islamico per il reclutamento. (…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy