Risvolti a San Marino per il fallimento di Rimini Yacht

La richiesta di fallimento del Rimini Yacht avanzata dal Pm Antonella Scandellari (bolognese) è stata accolta ieri dal Tribunale di Bologna.
Notevoli saranno le ripercussioni anche nella Repubblica di San Marino ove, a quanto pare, sei società di leasing sono cadute nelle spire di Giulio Lolli.

Scrive Simone Mascia di Corriere Romagna a proposito dell’accoglimento della richiesta del pm Scandellari. ‘La società – aveva scritto il magistrato nella sua relazione – ‘è gravemente insolvente’ e la situazione ‘è talmente grave che deve essere nominato un amministratore giudiziario provvisorio’.
Anche perché, come ha stimato lo stesso pm, il buco lasciato da Lolli è di circa 50 milioni di euro.
Non certo poca roba, insomma, così come non lo è il nuovo filone di indagini su cui la Procura bolognese sta indagando: riciclaggio di danaro sporco. Indagini a cui gli uomini della finanza daranno un contributo, grazie all’esame del materiale informatico sequestrato nella sede di Rimini Yacht.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy