Romagna. Hera sicura della qualità dell’acqua

I territori gestiti da Hera sono “In
buone acque”: e’ questo il titolo del report annuale, alla
seconda edizione, che l’azienda dedica interamente alla qualita’
dell’acqua potabile. E il risultato e’ che “l’acqua Hera e’
sicura, di ottima qualita’ e puo’ essere bevuta quotidianamente”.

Il report e’ stato pubblicato in questi giorni e rappresenta,
sottolinea un comunicato, “un’esperienza unica nel panorama delle
multiutility italiane”. Suo obiettivo principale e’ rendere
accessibili e trasparenti a un pubblico vasto i dati relativi
alle attivita’ svolte e ai risultati raggiunti dal Gruppo, che
gestisce il servizio idrico in 226 comuni delle province di
Bologna, Ferrara, Forli’-Cesena, Modena, Ravenna, Rimini, Pesaro
e Urbino, per un totale di oltre un milione di clienti.

Con
26.000 chilometri di rete e circa 1.000 punti di captazione
gestiti, Hera e’ anche la societa’ che in Italia ha l’indice di
investimento piu’ elevato nel settore idrico, con 444 euro ogni
1.000 metri cubi di acqua fatturata.

Nella pubblicazione sono presentati i risultati relativi alle
56.428 analisi svolte da Hera nel 2009, nell’ambito del piano di
controllo del servizio idrico integrato, con riferimento ai
principali parametri che descrivono la qualita’ dell’acqua.

I
dati evidenziano che “tutti i valori medi sono ampiamente
inferiori ai limiti di legge- riporta Hera- in una misura
compresa tra il 76% e l’89%”.

Considerando il dettaglio di tutti
i parametri analizzati e le verifiche non previste dal piano di
controllo, le analisi effettuate sull’acqua potabile sono state
complessivamente 436.538, con una media di circa 1.200 al
giorno.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy