San Marino a muso duro sull’Iva verso l’Italia

La Repubblica di San Marino non varerà un nuovo decreto per il prepagamento dell’Iva su merci a rischio frodi carosello, se l’Italia non accetterà di intavolare una discussione in materia a livello tecnico.

Lo hanno detto oggi  nella consueta settimanale conferenza stampa tenuta a nome del Governo,  i Segretari di Stato alle Finanze, Pasquale Valentini, e all’Industria, Marco Arzilli

Il Segretario Arzilli ha ricordato che  il 31 dicembre 2010 è scaduto il decreto
a termine sull’IVA pre pagata per le imprese, varato per contrastare soprattutto
le frodi carosello, ed ha informato che il Governo, prima di decidere per un
eventuale nuovo decreto in tal senso, ritiene utile un incontro con l’Agenzia
italiana delle Entrate per verificare assieme le strategie più idonee. Nel
frattempo si sono aggiunti nuovi strumenti di contrasto, come il Nucleo anti
frode  e l’introduzione del reato penale di falsa fatturazione, a testimonianza
della forte volontà di combattere le distorsioni e di tutelare l’economia
sana.

 

Vedi comunicato di Ufficio Stampa Congresso di Stato

 

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy