San Marino. Aborto, don Mangiarotti critica il via al referendum da parte del Collegio Garante

Sarà motivo di esultanza, certamente per l’Unione Donne Sammarinesi, sapere che il Referendum proposto per proporre l’aborto in Repubblica ha ricevuto la qualifica di ammissibilità da parte del Collegio Garante della Costituzionalità delle Norme.

E soprattutto la costatazione (dal Collegio stesso ripetuta ben due volte) dell’assenza del Comitato del no, cioè di voci contrarie a tale proposta.

Per coloro a cui piace vincere facile, questo è già un bel traguardo.

Così si può dare da intendere che la popolazione è, per la maggior parte, favorevole alla depenalizzazione dell’aborto, anzi, all’aborto come diritto (ops, è stato scritto che si constata una “ovvia consapevolezza che non esiste un diritto all’aborto, né un diritto assoluto della vita da parte del feto”, salvo poi ad affermare che l’interesse dell’aborto è «preponderante»). Ma non sembra che, in campo giuridico, il «comune sentire» sia fonte di diritto, né che l'”origine in periodi storici ormai lontani” di fattispecie criminose sia indice della loro decadenza. Saremmo in presenza della decadenza dello stupro, del furto, dell’omicidio, e di tanti altri delitti la cui condanna ha una origine situata in «periodi storici ormai lontani».

Leggi il comunicato integrale

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy