San Marino. Aborto, l’appello di Uds ai cittadini: “Votiamo Sì”

L’Unione donne sammarinesi chiede alla popolazione di San Marino di votare Sì al referendum.

Domenica 26 settembre 2021 le elettrici e gli elettori sammarinesi esprimeranno il proprio voto. Noi invitiamo a votare Sì per uno Stato responsabile e moderno che tuteli anche le scelte più difficili delle proprie cittadine, coppie e famiglieUnione donne sammarinesi.

Qualora dovesse vincere il Sì, Unione donne sammarinesi chiede una legge che attui nella maniera più efficace ed estesa la prevenzione delle gravidanze indesiderate per ridurre quanto più possibile il ricorso all’interruzione volontaria di gravidanza, questo significa accesso facile e gratuito ai più moderni contraccettivi femminili e maschili, anche quelli d’emergenza, la spirale gratuita, l’educazione sessuale nelle scuole, campagne informative anche per la prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili, ecc.; che tuteli le madri ed i padri che scelgono la genitorialità, che combatta la discriminazione lavorativa delle donne, che introduca il congedo di paternità paritario, che faccia diventare reato il licenziamento o il demansionamento della lavoratrice incinta; che preveda una regolamentazione precisa dell’interruzione volontaria della gravidanza chiedendo la piena collaborazione della classe medica nella stesura del testo che sia accolto l’art. 6 del progetto di legge del 2019 di Uds (‘Qualora sussista la possibilità di vita autonoma del feto, l’interruzione della gravidanza potrà avvenire solo in caso di grave pericolo per la vita della donna ed il medico dovrà adottare ogni misura atta a salvaguardare la vita del feto’); che l’obiezione di coscienza sia ammessa ma non ostacoli l’accesso a chi ne faccia richiesta nei termini previsti dalla legge, evitando le storture che si verificano oggi in Italia e che hanno reintrodotto l’aborto clandestino; che istituisca un consultorio appositamente dedicato che accompagni la donna nella sua scelta, qualunque essa sia, in modo professionale e aconfessionale, con l’impiego di personale adeguatamente formato; che permetta anche al compagno della donna di partecipare al percorso che la porterà alla sua decisione, nel pieno rispetto della sua scelta; che garantisca la privacy della donna e della coppia ai massimi livelli”, riporta il comunicato. 

“A smentita di tutte le falsità diffuse dal comitato contrario, questi sono i principi della legge che Unione donne sammarinesi chiede da anni. Votiamo Sì!“, asserisce infine Uds.

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy