San Marino alle prese col signor 600mila. Per quel che dira’

Fra San Marino ed Italia siamo sicuri che tornerà il sereno dopo la preventivata sortita a Roma dei Segretari di Stato agli Esteri ed alle Finanze, Pasquale Valentini e Giancarlo Capicchioni, per quelle raccomandate spedite agli indirizzi dei residenti, che stanno creando tanto subbuglio?

Il problema vero, però, per i sammarinesi del potere, non è il destino fiscale e giudiziario dei  signori convocati nelle caserme delle Finanza, quanto quello che, detti signori,  stanno dicendo  ai militari della Finanza sulle circostanze che li hanno portati a fidarsi dei lestofanti del Titano.
Ad esempio il signore che per la residenza ha dovuto versare 600 mila euro, dirà o non dirà quando, come ed a favore di chi ha fatto tale versamento?

Già a San Marino si sono faticate sette camice per tenere celati   i ‘contributi’ (con tanto di tariffario) per il rilascio di licenze nel settore finanziario: 8 banche + 60 finanziarie fiduciarie.
Ed il settore dei giochi è rimasto fermo ai sospetti dell’ing. Francesco Gatti.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy