San Marino. Ammanchi al parcheggione: Civico10 sulla convenzione capestro Sinpar-Stato

‘È sconcertante, per quanto ampiamente
prevedibile’- scrive in una nota Civico10- quello che sta emergendo sal processo a carico di un ex dipendente Sinpar accusato di aver sottratto più di 270.000 € alla società che gestisce il P9 (parcheggione) e l’ente statale GAPS. Il fulcro della riflessione del Giudice Gilberto Felici sarebbe proprio la convenzione capestro ancora in piedi fra Sinpar e Stato.

Secondo il giudice sarebbe ormai chiaro come le anomalie nei documenti amministrativi, riscontrate dai periti di parte, non sono mai state rilevate dalla società gestore a causa di scelte manageriali molto discutibili, carenze di controlli e l’accentramento anomalo di funzioni delicate nelle mani dello stesso ex dipendente. (…)

In una situazione in cui c’è una convenzione – capestro appunto – che stabilisce che indipendentemente dagli introiti registrati dalla società, una cifra di tutto rispetto viene garantita dalle casse dello Stato, è evidente come la Sinpar si sia potuta permettere di disinteressarsi dei controlli a fronte di un introito comunque garantito.

Leggi il comunicato

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy