San Marino. Anis: dopo le riforme per il Paese e’ arrivato il momento della verita’

L’Anis si augura che il Governo, dopo aver dato via ad un’azione importante e coraggiosa, fatta di decreti e provvedimenti straordinari anche impopolari, grazie all’appoggio di tutto il Consiglio Grande e Generale, passi dalla teoria alla pratica e inizi a raccogliere i frutti di una stagione di tagli e di revisione della spesa pubblica, che ha molti cittadini lascia con l’amaro in bocca. La verità però potrebbe rivelarsi amara anche per l’Anis e lo stesso Governo, che si aspettano un rilancio dell’economia del Paese, quando invece di rilancio dell’economia nel Progetto economico 2014 si vede ben poco. Ciò che invece risalta maggiormente sono le nuove tassazioni che i cittadini dovranno subire, anche in maniera iniqua, nei prossimi mesi. E proprio dai sammarinesi, ormai esasperati da una crisi economica e sociale senza precedenti, Governo e Anis potrebbero ricevere una brutta sorpresa, manifestando in piazza tutta la loro disapprovazione e soprattutto tutta la loro rabbia per una politica incapace di risollevare le sorti di un Paese alla deriva. Le famiglie più deboli, i lavoratori, i disoccupati e quella fascia che va dai 20 ai 30 anni, per la maggior parte inoccupata e senza una visione futura delle propria vit, sono stanchi di essere considerati cittadini di serie b. Il tessuto sociale più colpito dagli ultimi provvedimenti straordinari è a un livello di esasperazione che potrebbe dare vita, nell’autunno prossimo, a un autunno caldo forse mai visto prima sul Titano. 

Dopo aver insistito per anni, nel 2012 ANIS ha presentato un’Istanza d’Arengo per chiedere a gran voce di prevedere per legge l’obbligo di pareggio di bilancio. Uno strumento per mantenere in sicurezza i conti pubblici evitando pericolose derive. Avevamo chiesto un segno di responsabilità, di comprimere la spesa pubblica. Ma l’Istanza – condivisa in linea di principio da tutte le forze politiche – alla fine fu disattesa. Oggi ci troviamo nella condizione di dover compiere comunque questo sacrificio, poiché è conclamata la consapevolezza di dover di intervenire per la salvaguardia del Bilancio dello Stato.

Leggi Comunicato, Anis

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy