San Marino. Assenze dipendenti … dirigenti permettendo? Movimento Rete

Il Movimento Rete in merito al dibattito che si è aperto nel Paese sulle assenze dei dipendenti pubblici dal proprio posto di lavoro, pur stigmatizzando comportamenti di questa natura,  punta, giustamente, il dito sulla responsabilità dei dirigenti.

Da
tempo sosteniamo che l’unico modo per risolvere questo genere di problemi sia
prevedere sul serio, nella pratica, sanzioni corrispettive per i dirigenti delle
varie unità operative pubbliche che non controllino sul rispetto degli orari di
lavoro e delle mansioni dei singoli dipendenti.

Inutile colpire
eventualmente chi viene trovato al bar o al supermercato in orario di lavoro, e
non colpire in pari misura il dirigente che ha permesso che accadesse!


Rientra nel ruolo dei
dirigenti anche il controllo del rispetto di orari e mansioni dei
dipendenti!


Inoltre, la delibera
da più giornali indicata come la “soluzione del governo alla spesa pubblica”,
non solo non è un primo passo in direzione della riduzione della spesa, ma è la
solita aria fritta a cui oramai siamo abituati!


A
che serve spendere soldi per telecamere per verificare chi timbra l’ingresso al
lavoro se poi non si stabilisce -ripetiamo, nei fatti, anche con punizioni
esemplari- la responsabilità dei dirigenti, o dei superiori di grado, in tale
controllo? Chi controllerà le registrazioni? Nessuno! Perché ad oggi il
responsabile o il dirigente (a nomina politica, lo ricordiamo) non paga mai per
nessuna inadempienza sua o dei suoi sottoposti!

 

Leggi il comunicato Rete

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy