San Marino calcio. Il pareggio è sempre più vicino ma Malta vince 1-0

La prima volta di San Marino a Malta inizia con un minuto di silenzio per commemorare la prematura scomparsa di Mark Piscopo, magazziniere della squadra di casa spentosi dopo una lunga malattia.

Costantini conferma la formazione annunciata in conferenza stampa, con Fabbri dall’inizio e lanciando David Tomassini con Lunadei ai lati di Battistini. D’Addario e Grandoni in corsia, con Ceccaroli a supporto di Nanni. Confermati Palazzi e Rossi, torna titolare in porta Elia Benedettini.

La sfida è dura fin dai primi minuti, ma San Marino sembra prendere possesso del campo dopo la fase di studio preliminare. L’occasione più promettente in avvio parte da un intercetto di Lunadei a metà campo, che scarica laterale per Nanni. La punta perde il tempo della battuta dalla media distanza e la difesa di casa si chiude in maniera efficace. Poco dopo c’è un tentativo impreciso di Grandoni, ci prova da 20 metri col mancino. 

I padroni di casa protestano al 19’ quando, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, D’Addario sposta Apap in area di rigore. Per l’olandese Higles si può giocare e questa volta il VAR non interferisce. Tre minuti più tardi tutto lo stadio si alza in piedi sul mancino al volo di Camenzuli, liberato da un rimpallo su D’Addario al limite dell’area. È il miglior momento per Malta, anche grazie al loro esterno sinistro capace di inventarsi le giocate migliori e più pericolose. L’opportunità più ghiotta per i Cavalieri di San Giorgio arriva a ridosso della mezz’ora: Teuma mette giù in area e crossa al centro, Montebello anticipa Palazzi e spara fuori un rigore in movimento.

Meglio Malta nella seconda parte del primo tempo. Bonello trema al 40’ sul destro a giro di Ceccaroli, liberato a sinistra dal grande lavoro di Nanni – che difende un rinvio difensivo dai ripetuti attacchi di Pepe. Anche Malta si fa pericolosa ma il tiro non centra lo specchio: Teuma carica un mancino potente che termina non  molto lontano dall’incrocio dei pali.

 

All’inizio del secondo tempo Malta punta all’attacco e guadagna due calci d’angolo in pochi minuti. Il pallone termina in area di rigore, destinato a Montebello in evidente posizione di off-side. L’arbitro non giudica attiva la posizione dell’attaccante, l’azione si sviluppa in corsia per il traversone di Camenzuli che trova il movimento vincente di Zach Muscat sul primo palo. Colpo di testa che non lascia scampo a Benedettini. I sammarinesi invocano l’intervento del VAR, ma dalla regia arbitrale olandese non arrivano segnali di revisione. Malta vola sulle ali dell’entusiasmo e al 58’ si fa pericolosa sull’asse Guillaumier-Mbong, Benedettini interviene e respinge lateralmente il pallone.

Dopo i 60 minuti di gioco Costantini chiede un doppio cambio: dentro Rinaldi e Mularoni. Poco dopo è però Malta a farsi pericolosa: Montebello vince il duello fisico con Palazzi e batte Benedettini da irrisoria distanza. Raddoppio maltese annullato dal VAR, che rileva la posizione di millimetrico fuorigioco dell’attaccante maltese. La squadra di casa continua a spingere e si fa pericolosa con Teuma che libera un destro deviato in corner da Benedettini. La risposta sammarinese arriva al 68’ con il mancino di D’Addario che scheggia il palo esterno alla sinistra di Bonello. Mani nei capelli per il laterale del Tre Fiori.

San Marino si sbilancia in un finale alla ricerca del pareggio e Malta si fa pericolosa con Mbong, che sfrutta lo scivolone di Fabbri per tirare da dentro l’area di rigore, ci pensa però Benedettini. L’estremo sammarinese è poi reattivo nel negare a Camenzuli il gol. La parata della partita va a Benedettini: al 72’ respinge il colpo di testa a botta sicura di Teuma, che arriva a colpire a limite dell’area piccola. Clamorosa la risposta del portiere, che tiene in partita San Marino. 

San Marino ritorna in area maltese dopo il secondo doppio cambio: Zafferani, neoentrato, serve Fabbri che crossa dal fondo. Bonello è attento e nega a Rinaldi un facile appoggio in rete. I Biancorossi di casa replicano con un’azione che subisce almeno due deviazioni fortuite e, tutto solo in area,Montebello tira fuori col destro. All’84’ è ancora San Marino a subire, con Mbong che salta con un tunnel Rossi e viene frenato in croner dalla provvidenziale uscita di Benedettini. Il portiere del Cesena si dimostra pronto anche all’88’, deviando il sinistro a giro di  Degabriele. 

All’inizio dei quattro minuti di recupero Fabbri accusa i crampi dopo un anticipo vincente al limite dell’area e cade a terra dolorante. I Titani affrontano in inferiorità numerica i minuti di extra-time, nei quali costruiscono una clamorosa opportunità per segnare allo scadere. Nanni scappa in profondità e passa a Rinaldi, successivamente a Vitaioli che non centra la porta. Un ulteriore rimpianto per i sammarinesi per non aver trovato un gol che, anche questa sera, era più che realizzabile.

 

UEFA Nations League, 4. giornata | Malta-San Marino 1-0

 

MALTA [3-4-1-2]

Bonello; Apap (dal 78’ J. Borg), Pepe, Z. Muscat; J. Mbong, Guillaumier, Paiber (dal 78’ Vella), Camenzuli; Teuma; Gambin (dal 71’ Degabriele), Montebello (dall’87’ Satariano)

A disposizione: Formosa, Galea, Magri, S. Borg, N. Muscat, Corbalan, Busuttil, Micallef

Allenatore: Devis Mangia

 

SAN MARINO [3-5-1-1]

  1. Benedettini; Fabbri, Rossi, Palazzi; D’Addario (dal 78’ Zafferani), Lunadei (dall’85’ Vitaioli), Mi. Battistini, D. Tomassini (dal 60’ Mularoni), Grandoni (dal 60’ Rinaldi); Ceccaroli (dal 78’ Hirsch); Nanni

A disposizione: A. Simoncini, S. Benedettini, Cevoli, E. Golinucci, F. Tomassini, Censoni, Cesarini

Allenatore: Fabrizio Costantini

 

Arbitro: Dennis Higles (NED)

Assistenti: Erwin Zeinstra (NED) e Mario Diks (NED)

Quarto ufficiale: Sander Van der Eijk (NED)

VAR: Jeroen Manschot (NED)

AVAR: Allard Lindhout (NED)

Marcatori: 50’ Z. Muscat

Ammoniti: Lunadei, Mi. Battistini, Rossi

Note: 2646 spettatori.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy