San Marino. Concorso Tebaldi: domani concerto finale sezione Antico e Barocco

COMUNICATO STAMPA
San Marino, 21 settembre 2013

Sono il soprano francese Julie Fioretti insieme al controtenore Carlo Vistoli e al mezzosoprano Giuseppina Bridelli, italiani, i tre giovani interpreti selezionati ieri dalla giuria internazionale per accedere alla finale della sezione Antico e Barocco del Concorso Tebaldi.

Domani alle 21.15, al Teatro Titano, i tre giovani talenti saranno protagonisti del concerto finale in cui verrà decretato l’ordine dei vincitori che si aggiudicheranno, in base alla graduatoria, i tre premi da 5.-, 3.- e 1.500 euro.

L’esibizione dei concorrenti sarà accompagnata dall’Orchestra Barocca del Conservatorio Maderna di Cesena guidata da Gabriele Raspanti che eseguirà brani di Händel, Hasse, Bach, Monteverdi, Clérembault e Fontei.

L’ingresso al concerto – che sarà intervallato da un talk show in cui Sergio Barducci di San Marino RTV intervisterà l’imprenditore Roberto Valducci sul tema arte e mecenatismo – è gratuito con prenotazione obbligatoria allo 0549 886344.

Nella mattinata di oggi il Segretario di Stato per la Cultura Giuseppe Maria Morganti ha ricevuto il presidente della giuria della sezione Antico e Barocco Didier de Cottignies – storico dirigente dell’etichetta discografica Decca per cui ha seguito la realizzazione di numerose incisioni di Renata Tebaldi – insieme ai membri della giuria, al presidente e al direttore artistico della Fondazione Tebaldi.

Morganti ha ribadito la volontà, già espressa nella conferenza stampa di apertura della manifestazione, di “assicurare un supporto continuativo alle manifestazioni culturali che danno lustro alla Repubblica, e il Concorso Tebaldi è senza dubbio tra queste”, contribuendo alla costituzione di un capitolo di spesa ad hoc che possa essere inserito in bilancio.

Dal canto loro i giurati presenti hanno espresso il proprio apprezzamento per la straordinaria ospitalità sammarinese, sottolineando il carattere di unicità dell’iniziativa. “San Marino offre le condizioni ideali per lo svolgimento del concorso” ha dichiarato Didier de Cottignies.

“L’ambiente è perfetto per concentrarsi, quasi si fosse in ritiro, e questo è un elemento importante tanto per i concorrenti quanto per la giuria”.

Gloria Banditelli ha proseguito: “è una delle rare occasioni in cui i giovani interpreti possono scegliere, nell’ambito della stessa competizione, quale tipo di vocalità mettere in rilievo, mettendole a confronto pur mantenendole distinte”. “Promuovere i nuovi talenti, che siano cantanti o direttori, è la mia occupazione da oltre trent’anni”, aggiunge Anne Blanchard, fondatrice del Festival internazionale di musica barocca di Beaune, in Francia, definita la “Salisburgo del barocco” dalla rivista Diapason. “Il nostro lavoro comincia con l’ascoltarli, ma l’obiettivo è farli conoscere a chi si occupa di programmazione artistica, in modo che queste nuove carriere possano davvero prendere il via”.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy