San Marino. Csdl pronta a protestare in piazza

La Csdl minaccia di scendere in piazza se non verrà garantita equità tra lavoratori

Forte presa di posizione della Csdl, che rilancia la richiesta di parità di trattamento tra i lavoratori di tutti i settori e si dice “pronta ad iniziative di mobilitazione”. “La democrazia non si sospende con la pandemia: prima di creare nuovo debito per lo Stato, occorre coinvolgere e ricercare il consenso delle parti sociali e dei cittadini. E contestualmente è necessario accertare tutte le responsabilità del dissesto delle banche e recuperare tutte le risorse possibili, intervenendo anche sui patrimoni di chi ha ricevuto prestiti ingenti senza offrire garanzie”. Al contempo, “va rilanciato il tema centrale dell’equità fiscale e sociale, che nel dibattito politico tra i partiti è del tutto assente, e occorre riportare a San Marino i capitali all’estero dei sammarinesi, sia quelli dichiarati che quelli nascosti; questo rappresenterebbe una boccata d’ossigeno per l’intero Paese, che avrebbe a disposizione una riserva di liquidità importante, che potrebbe diminuire le necessità di ulteriore indebitamento”. E sul blitz che la maggioranza vuole portare avanti sul bilancio di assestamento, “stiamo valutando iniziative di mobilitazione, nel rispetto delle regole sul distanziamento sociale”. (…)

Articolo tratto da La Serenissima

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy