San Marino. Di Vizio parte da Credito di Romagna – Ibs. Poi Asset e quindi Carisp?

Comincia ad attuarsi la strategia detta della ‘diplomazia penale‘ della procura di Forlì nei confronti del sistema bancario e finanziario della Repubblica di San Marino.

Gli attacchi ‘bruti’ sono avvenuti, nell’ordine,  contro i vertici di  Asset Banca e di Banca di Credito e Risparmio di Romagna,
poi   di  Carisp (gemellaggio con Delta) e infine di   l’Ibs (gemellaggio con Credito di Romagna).

A processo invece per primo andrà, a quanto pare, quest’ultimo caso, cioè quello del  Credito di Romagna. Lo si apprende da Anna De Marino di NQ Rmini San MarinoCredito di
Romagna- Istituto bancario
sammarinese, tutti o quasi
rinviati a giudizio. Il processo
si terrà il 15 maggio a
Forlì
, dove la pubblica accusa,
neanche a dirlo, rappresentata
dai due due pm che
hanno scoperchiato negli
ultimi anni il maggior numero
di affari tra banche
italiane e sammarinesi, Fabio
Di Vizio e Marco Forte a
cui si aggiunto il procuratore
Sergio Sottani, sosterranno
che i rapporti tra Credito
di Romagna e Ibs erano al di
fuori della maggior parte
delle norme bancarie e delle
disposizioni di Bankitalia
.

Probabilmente Di Vizio parte da Credito di Romagna – Ibs  dato l’elevato numero di persone coinvolte che hanno patteggiato sull’esempio, si fa per dire, di Giovanni Mercadini.

Il sistema finanziario sammarinese era arrivato a contare – l’ultimo nel 2009 – 72 ‘soggetti autorizzati’: dodici banche e sessanta tra finanziarie, fiduciarie, società di gestione, compagnie
d’assicurazioni.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy