San Marino. Discorso Renzi

Eccellentissimi Capitani Reggenti, Signori Segretari di Stato, Onorevoli Membri del Consiglio Grande e Generale, Signori Rappresentanti del Corpo Diplomatico e Consolare, Autorità Civili e Religiose, Signori Capitani di Castello, Graditi Ospiti, adempio con alto onore e con sentimenti del più vivo compiacimento all’incarico di presentare Loro l’Oratore Ufficiale dell’odierna Cerimonia di Insediamento dei nuovi Capitani Reggenti, S.E. Gabriela Cuevas Barron, Presidente dell’Unione Interparlamentare. In occasione del 130° anniversario della fondazione dell’Unione Interparlamentare, sono particolarmente onorato della presenza – a questa solenne e significativa cerimonia – della Presidente dell’istituzione internazionale che riunisce i rappresentanti dei Parlamenti democraticamente eletti dei Paesi del mondo. Un’organizzazione – nata su impulso e lungimirante intuizione di due parlamentari anglosassoni – con la finalità di salvaguardare la pace e promuovere il cambiamento democratico attraverso il dialogo, il confronto e l’operatività. 2 La Repubblica di San Marino ha presentato la propria domanda di adesione all’Unione Interparlamentare il 27 ottobre 1988 e nel corso dell’81a Conferenza Interparlamentare – tenutasi a Budapest nel marzo del 1989 – il Consiglio Interparlamentare ha esaminato la richiesta e ammesso il Gruppo Interparlamentare sammarinese, quale membro dell’Organismo. Trent’anni di intensa attività, partecipazione e condivisione dei principi e degli ideali ispiratori dell’Unione: la promozione dei contatti e degli scambi di esperienze tra parlamenti e parlamentari di tutti i Paesi; la decisione sulle questioni di interesse internazionale; il contributo alla difesa e alla promozione dei diritti umani; la promozione della democrazia e dello sviluppo parlamentare. L’organizzazione lavora – da sempre – in collaborazione con le Nazioni Unite, approvandone gli obiettivi e l’azione. La Presidente Cuevas Barron vanta una rilevante esperienza politica, iniziata – peraltro – in età adolescenziale: senatrice prima, ora deputata nel parlamento messicano è anche presidente del comitato per le relazioni estere, ossia responsabile per l’analisi della politica estera del Messico. Il suo impegno si è distinto, particolarmente, nella promozione di leggi per la tutela dei diritti umani – specie dei minori – l’equità di genere, la lotta alla corruzione e la salvaguardia ambientale. 3 Una presenza quanto mai attiva nella politica del Suo stato, trasferita successivamente nell’ambito dell’Unione Interparlamentare, di cui – dal 2017 – ha assunto la presidenza. Un’esperienza totalizzante a cui la Presidente Cuevas Barron ha conferito la Sua personale e autorevole impronta, attraverso la realizzazione di un piano di interventi e strategie che incoraggiano la concertazione parlamentare, con l’obiettivo di sostenere la pace e la cooperazione tra i popoli, rafforzare le istituzioni parlamentari e, particolarmente, garantire le stesse opportunità in politica e nella sfera pubblica. La Sua nomina, Presidente, rappresenta un riferimento prestigioso nell’ambito di un percorso culturale, tutt’altro che semplice e scontato; un invito a tutelare e diffondere quei valori che costituiscono i cardini della democrazia, della libertà e della pacifica convivenza. Eccellenza, la Sua Orazione, oggi, viene pronunciata nella sala in cui si riunisce il Consiglio Grande e Generale – il Parlamento sammarinese, emanazione dell’antico Arengo, riunione dei Capifamiglia ed espressione più elevata di un’antica e consolidata democrazia. Il luogo in cui si è plasmata l’identità del popolo sammarinese. Con questo spirito, nel rinnovare i sentimenti della più viva gratitudine e dell’autentico piacere al Presidente dell’Unione Interparlamentare, Gabriela 4 Cuevas Barron per l’alto onore della Sua presenza, ci accingiamo ad ascoltare l’Orazione Ufficiale.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy