San Marino e Italia: nessun accordo nemmeno per il totocalcio

Il Decreto Bersani impone dal 1° gennaio 2008 alle ricevitorie del totocalcio la licenza di pubblica sicurezza, che, ovviamente, i gestori della Repubblica di San Marino non possono ottenere. Già lo si sapeva dalla fine di agosto 2007. Per alcune settimane, a inizio campionato, le ricevitorie sammarinesi non poterono ricevere le giocate. Poi l’applicazione del decreto fu rimandata e tutto ritornò regolare.

Nel settembre 2007 si dichiarò disponibile ad aiutare San Marino anche Enrico Mazzola, Segretario Generale dell’Unione totoricevitori sportivi italiani (Utis): ‘nelle mie competenze c’è la possibilità di segnalare questo problema al governo, nell’ottica delle segnalazioni dei torti che i ricevitori italiani possono avere subito. E sono disponibile a ricevere le segnalazioni da parte del governo sammarinese per cercare di fare da tramite con il governo italiano e con la sua pubblica amministrazione ‘.

Mercoledì 17 ottobre c’è stato un incontro a Roma fra
Fiorenzo Stolfi, Segretario di Stato per gli Affari Esteri,
Tito Masi, Segretario di Stato all’Industria, ed
il Ministro Italiano per lo Sviluppo Economico, Pierluigi Bersani. Nel comunicato emesso congiuntamente dalle Segreterie degli Esteri e dell’Industria si leggeva: ‘fra i temi trattati anche quello relativo ai problemi legati alla nuova normativa sulle ricevitorie per consentire anche a quelle sammarinesi di poter continuare ad operare ….

Su tali temi sono state date, da parte italiana, ampie assicurazioni sulla positiva conclusione attraverso specifici incontri tecnici da organizzarsi nell’immediato.

Le cose non sono andate secondo le previsioni e le assicurazioni dei due Segretari di Stato. Almeno per il totocalcio. Dal 1° gennaio 2008 è entrato definitivamente in vigore il Decreto Bersani: le ricevitorie del totocalcio sammarinesi non possono ricevere le giocate.
Mazzola ha commentato: ‘mi sembra davvero strano che le istituzioni sammarinesi e quelle italiane … non siano arrivate a un accordo‘ su questa materia.
Di certo non comincia bene questo 2008 che la Reggenza nel suo messaggio di fine 2007 ha auspicato come anno risolutivo per i problemi tutt’ora aperti fra i Italia e San Marino.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy