San Marino: il governo deve affrontare il problema del caro-vita. Lo chiedono i consumatori

L’associazione dei consumatori della Confederazione Sammarinese del Lavoro chiede che il
governo
affronti da subito la questione del caro-vita nella Repubblica di San Marino.
Si legge in una nota: I nostri ripetuti allarmi sull’impennata dei prezzi a San Marino, purtroppo, sono confermati da riscontri ufficiali. I dati diramati nelle ultime settimane dall’Ufficio di Statistica attestano un’inflazione sammarinese più alta di quella italiana.

Infatti, è del 3,53% l’aumento dei prezzi al consumo a San Marino, che supera sia il già rilevante 2,4% della media Istat italiana, che anche il 3,2% registrato nel riminese. Un’inflazione alimentata anche dall’aumento delle tariffe delle utenze domestiche e dei servizi pubblici decisa dal Governo, con la ferma contrarietà del sindacato, fin dal febbraio scorso.
I nostri ripetuti allarmi sull’impennata dei prezzi a San Marino, purtroppo, sono confermati da riscontri ufficiali. I dati diramati nelle ultime settimane dall’Ufficio di Statistica attestano un’inflazione sammarinese più alta di quella italiana.


Continua a leggere la nota

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy