San Marino. Il Titano e l’impatto delle nuove tecnologie digitali su banche e consumatori

“Attività e prospettive di BKN301, la prima Fintech company del Titano attiva per offrire nuove tecnologie digitali agli istituti bancari e agli utenti, sono al centro di una tesi di laurea discussa lunedì scorso, 12 luglio, all’Università degli Studi della Repubblica di San Marino”.

Lo comunica, in una nota, l’Università di San Marino. “L’approfondimento, che rientra nel percorso triennale in Ingegneria Gestionale, è valso alla 25enne sammarinese Martina Bagnasco il punteggio di 110/110 ed è stato coordinato dal docente Leonardo Tagliente: “Un focus particolare è stato dedicato ai sistemi di pagamento, analizzando modelli innovativi di business che prescindono dall’uso dei mezzi tradizionali, per esempio il contante. È una realtà sempre più diffusa, che vede tra i protagonisti attività nuove ed evolute come quella descritta nello studio”, spiega l’accademico. “BKN301 – prosegue – è un’iniziativa sammarinese che ha come mercato potenziale il mondo. Sviluppa e mette a disposizione del sistema finanziario e dei consumatori soluzioni tecniche altamente tecnologiche e affidabili”.

L’analisi di Bagnasco ha affrontato la realtà sammarinese collocandola nel contesto globale e offrendo una misura degli impatti delle nuove tecnologie sui tradizionali modelli di business: “In futuro – si legge nelle conclusioni della tesi – il sistema bancario come lo conosciamo oggi è destinato a scomparire. Gli istituti finanziari dovranno sempre più adattarsi al progresso tecnologico e alle nuove esigenze degli utenti. Si ha la necessità di ripensare il futuro della finanza e dei pagamenti a causa della digitalizzazione che porterà verso la chiusura di molte filiali”. Da considerare, infine, che gli strumenti digitali offrono tempi rapidi e servizi altamente personalizzati: “L’asticella delle attese del consumatore, sia a livello di servizio che di customer service, si è alzata molto. È un fattore che le banche ormai non riescono più a fornire. Per fare tutto ciò, molti istituti del settore si stanno concentrando su partnership strategiche e investimenti in tecnologia per diventare sempre più fornitori di esperienze finanziarie a misura di consumatore”. Di qui la valutazione di Tagliente: “La trasformazione che la tecnologia sta abilitando e sostenendo nel settore finanziario mondiale è dirompente. Il Fintech è passato da nicchia a segmento rilevante nella dinamica attuale e futura. Le partnership tra il settore bancario – finanziario tradizionale e realtà come BKN301 basate su nuovi modelli di business sembrano destinate a essere sempre più determinanti”.

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy