San Marino. In arrivo altri tagli alla pubblica amministrazione: accorpamenti e meno cariche. Corriere Romagna

Corriere Romagna: Ministeri, accorpamenti in vista /
Tagli alla pubblica amministrazione: meno cariche e no alle ridondanze

SAN MARINO. Tagli alla pubblica amministrazione: dopo quello sugli stipendi, ora tocca agli accorpamenti. Meno cariche e no alle ridondanze. Lunga relazione del dirigente della funzione pubblica, Marco Tassitano, ieri mattina in congresso: i segretari torneranno a incontrarlo i primi di gennaio e poi via di corsa alla riorganizzazione della pubblica amministrazione. Intanto, il congresso non va in ferie: dopo la riunione di ieri, i ministri torneranno a incontrarsi il 27, venerdì prossimo, e dopo l’assise congressuale, appuntamento con la conferenza stampa di fine anno.
Dunque, stando alla legge 188 sulla dotazione organica che fa parte della riforma-Ciavatta, quella della pubblica amministrazione, per ogni ministero sono sulla carta previsti uno o più accorpamenti, che renderebbero più facile il blocco del turn over tra le nuove assunzioni, e più spedita la macchina burocratica. Già, sulla carta, è tutto scritto da un paio di anni, ma nei fatti ancora nessun Esecutivo ha messo mano agli accorpamenti. Misura prevista però da questa spending review. Per cui, approfittando dei già 160 prepensionamenti previsti per legge dalla Finanziaria appena approvata in Consiglio, e del taglio agli stipendi dell’1,5%, il congresso ha deciso di dare una svolta. Lunga la relazione del dirigente Tassitano che, dicastero per dicastero, ha passato in rassegna tutte le misure di contenimento alla spesa.
(…)


Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy