San Marino Investimenti – Mps. Sara Monaci, IlSole24Ore

Sara Monaci di  IlSole24Ore a proposito degli sviluppi della inchiesta sul Monte dei Paschi di Siena  ed in particolare sulla banda del 5%‘.

(…) Tornando all’inchiesta sulla “banda”, la procura e il nucleo Valutario hanno messo in luce i vari passaggi del denaro illecito, dall’Italia ai paesi off-shore. Prima i broker della Enigma (con sede a Milano, Malta e Londra) creavano operazioni, spesso fittizie, per le quali fare da intermediario a Mps, dove manager accondiscendenti dell’area Finanza mettevano a punto pagamenti di commissioni gonfiate al massimo.

Spesso si trattava di semplici acquisti o vendite di titoli di Stato tedeschi, la cui intermediazione veniva pagata con prezzi molto alti.

Le commissioni così create venivano poi messe in sicurezza nelle casse della società inglese Rockport, che a sua volta girava il denaro nei conti correnti della banca Smi di San Marino, dove i fondi ricevevano una prima schermatura. Da San Marino c’erano poi altri due passaggi: prima verso la finanziaria Uib della Repubblica di Vanuatu (che fa comunque capo alla Smi), e poi da Vanuatu  verso conti correnti a Singapore o alle Bahamas.

Le società elencate dagli inquirenti, dove finivano gli accrediti della Rockport, sono almeno sei (tra cui la Biancospin e la Green Jade Asset Investiment), di cui molte facenti capo a Baldassarri  e Toccafondi  di Mps e Fabrizio Cerasani e Davide Ionni della Enigma.(…)

 



Da Il Corriere della Sera, 25 febbraio 2014

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy