San Marino. La riforma del fisco pesa sulle spalle dei pensionati e dipendenti. San Marino Oggi

San Marino Oggi: Riforma Fisco, pagano dipendenti e pensionati

La centrale Sindacale non ha solo esternato a parole e ai cronisti il proprio malumore (eufemismo) ma conscia del ruolo prima di lanciarsi in grida di battaglia aveva emesso un comunicato ‘ragionato’ sulla situazione che verrà a crearsi se la Riforma sarà (lo sarà?) approvata nel consiglio presubilmente di fine agosto. Leggendo, da precisiazione a precisazione, si ricava che la Csu ritiene trattarsi di un vero e proprio salasso per i lavoratori con un reddito medio (“tassazione addirittura sestuplicata”) aggravato dalla mancanza di strumenti atti ad accertare fino in fondo i redditi. Insomma dice la csu: “confermato il vecchio e inadeguatosiste- ma che permette elusione ed evasione di massa”. Massa? Quindi sono tanti, praticamente un terzo dei sammarinesi se 20 mila sono i lavoratori dipedenti. Ma entriamo nel dettaglio. Si legge nella nota csdl-cdls: “le opportunità di sviluppo si incrociano con una moderna legge fiscale che chiuda definitavamente con il passato, con una economia opaca, da flussi economici oscuri e da assenza di regole e controlli. Emblema i circa 200 milioni di monofase sottratti al bilancio pubblico ma anche a un sistema fiscale che di fatto permette una diffusa elusione”.
Nel dettaglio, prima della crisi economica, su 6.500 soggetti economici in 2.050 dichiaravano redditi inferiori a zero, in mille redditi sotto i 5 mila euro”. Riformare il fisco significa “Lotta all’evasione fiscale. Ma come farla senza gli srumenti adeguati?”.
(…)


Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy