San Marino. La Smib segue la pista Bdt?

A San Marino i responsabili della Banca del Titano  sono usciti dalla vicenda indenni – anzi con tanto di immunità giudiziaria  –  dopo aver provocato un buco di circa 30 milioni, ripianato con soldi dello Stato,  erogati, di fatto, a  fondo  perduto, col concorso di Banca Centrale.

Ora i responsabili  di SM Internarional Bank (nuovo nome della Bdt) pure loro sono finiti nei guai – commissariamento da 11 febbraio 2011 – e pare che pure loro vogliano seguire la strada dei loro predecessori. Vale dire che Banca Centrale trovi il modo di ripianare il tutto, magari senza conseguenze giudiziarie, eccetera.

Ci riusciranno? 

I responsabili di Smib erano stati scelti da Bcsm  nel 2007 sulla base  della professionalità e della onorabilità nonché  dell’impegno di rilanciare la Banca addirittura in ambito internazionale (“guardiamo soprattutto a società che possano fungere da ponte verso mercati
particolarmente interessanti, come Nord Europa e Brasile… prevediamo a breve
l’ingresso di una finanziaria quotata in Piazza Affari
“).

 Banca Centrale aveva assicurato che le cose sarebbero andate per il meglio (“la nuova proprietà si dice certa di contribuire a favorire il processo di rafforzamento della piazza finanziaria sammarinese“).

Vedi l’intero
atto di cessione di Banca del Titano
, San Marino, 25 ottobre 2007. In rosso
le parti più volte richiamate

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy