San Marino. Lavoratori frontalieri stabilizzati, la soddisfazione del deputato del Pd Arlotti. San Marino Oggi

San Marino Oggi: Il deputato riminese del Pd: “Si chiude positivamente una partita importante che pone fine ad una grave ingiustizia” /
Franchigia frontalieri ok, esulta Arlotti /
È ormai cosa fatta per il via libera all’emendamento

“La trattazione ieri in commissione Bilancio della Camera dell’emendamento che stabilizza la franchigia per i lavoratori frontalieri segna il compimento di un percorso cominciato nel 1997, quando con i colleghi ho iniziato a combattere l’ingiustizia che colpiva gli italiani che prestano la propria opera oltreconfine”. Commenta entusiasta il deputato del Partito democratico, Tiziano Arlotti, il via libera per la stabilizzazione dei lavoratori frontalieri. “Una battaglia continuata negli anni, fatta di interventi e sollecitazioni affinché i governi che si sono succeduti trovassero una soluzione ai problemi dei frontalieri – aggiunge Arlotti -. A maggior ragione oggi, in qualità di deputato, ho continuato a battermi e a lavorare per dare una risposta alle attese
di oltre 11.000 lavoratori frontalieri residenti in Italia e alle loro famiglie (dei quali circa 5.500 impiegati a San Marino)”.
“È grandissima la soddisfazione per essere riusciti per la prima volta a inserire il provvedimento nella Legge di stabilità, superando un iter difficile in cui solo qualche centinaio di emendamenti, tra le migliaia presentati, sono arrivati a buon fine – racconta il deputato riminese in una nota -. Si chiude così positivamente una partita importante che pone fine ad una grave ingiustizia”.
Per il risultato raggiunto Arlotti ritiene importanti due passaggi strategici: “Il primo, la ratifica dell’Accordo contro le doppie imposizioni fiscali, con il Protocollo aggiuntivo che impegna precisamente l’Italia a
definire la franchigia per i lavoratori frontalieri – afferma -. Il secondo, l’approvazione a larga maggioranza alla Camera della mozione che impegna il Governo a ripristinare la franchigia”.
(…)


Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy