San Marino. Legge editoria verso l’approvazione: il ‘de profundis’ per la libertà di informazione. L’informazione

Antonio Fabbri – L’informazione di San Marino: In consiglio il de profundis per la liberta’ di informazione

(…) Il Segretario all’informazione che vanta nel curriculum la propria elezione con “l’aiutino” dei voti di Fiorenzo Stolfi e messo lì per la sua corrente, porta una legge preparata da altri due delfini dell’ex segretario agli esteri, Francesco Morganti e Matteo Rossi. Relazionata per la maggioranza da un terzo stolfiano doc, Andrea Belluzzi. D’altra parte che Stolfi avesse mire sull’informazione è chiaro da come ha gestito l’affaire di Tribuna, acquisendone il controllo totale attraverso l’Asset Banca, caldeggiando la nascita di una aspirante agenzia di stampa, la San Marino Press, nata anche dietro i buoni auspici dello stesso Segretario all’informazione, con la cui segreteria ha collaborato il Rossi di cui sopra, con l’obiettivo di  scalzare la Dire e prenderne il posto veicolando le notizie.  Come non presumere che in questo disegno rientri anche la legge sull’editoria e il giornalismo? Non si spiega altrimenti l’urgenza, la pervicacia e la fretta di portare una normativa che avrà un sacco di problemi ad essere attuata, ma che fissa come principio irrinunciabile il controllo, da parte di una authority di nomina prevalentemente politica, sulla deontologia dei giornalisti. (…)

Leggi l’intero articolo di Antonio Fabbri pubblicato il giorno dopo

Legge di impianto komunista anzi fascista

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy