San Marino. ‘Menti criminali e menti incoscienti’. Su

Se si tira una riga e si fanno le somme degli eventi giudiziari degli ultimi mesi c’è di che impallidire: vicenda Cassa di Risparmio (la banca più importante della Repubblica), vicenda Bacciocchi-Fincapital (la maggiore macchina immobiliare della Repubblica), vicenda Bianchini-Fingestus-Karnak (l’azienda commerciale a più alto fatturato della Repubblica). La testa del sistema economico-finanziario è qui già ampiamente rappresentata.
Come non segnalare poi: la tangente di Stato confermata alla procura di Forlì, passata sotto silenzio; la sospetta morte di Luciano Perfetto, uomo in odore di Sacra Corona Unita, domiciliato a San Marino; il soggiorno sammarinese di Giuseppe Setola, boss del clan camorristico dei Casalesi, rifugiatosi sul Titano dopo avere compiuto la strage di Castelvolturno; il pane del forno camorristico dei Vallefuoco finito sulle tavole delle nostre mense scolastiche; la vicinanza di certi Segretari di Stato a loschi ed oscuri faccendieri italiani; bonifici milionari che partono da banche in cui è imposto il blocco dei pagamenti; commissari liquidatori di realtà contaminate dalla camorra che diventano regolatori di sistema; responsabili istituzionali politici e non, vicini a spalloni camorristi.
Quello che viviamo come sammarinesi è un presente di indecenza che disonora un passato ricco invece di gesti di coraggio e generosità. È questo il prezzo che paghiamo per aver lasciato che l’ingordigia prevalesse sopra ogni altra cosa, quando i nostri antenati rifiutarono lo sbocco al mare per garantire a San Marino la pace.
Eppure gli indomiti moralizzatori seduti al governo e larga parte della classe dirigente continuano a riprodurre i pericolosi schemi di controllo del potere, senza interrogarsi su cosa ne sarà della sovranità di San Marino e della sua gente.
Tutto continua come sempre, anche in mezzo ad una crisi che non ha eguali nella storia recente e in presenza, per la prima volta, di un debito pubblico che spaventa: continua la voglia di rimanere attaccati alla poltrona, continuano nepotismo e favoritismo, continua la mescola affaristica tra politica e attività economiche, continua l’omertà di Stato.
Di una cosa però siamo certi: “a breve si firma”. Infatti non esiste nessun limite temporale che indichi la scadenza di ogni “a breve”.
Sinistra Unita

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy