San Marino necessita di politici con dignità

Nella Repubblica di San Marino da qualche decennio i cittadini si sono poco preoccupati della qualità dei loro politici, sperando comunque che questi non arrivassero ad intaccare la reputazione del Paese. Invece è successo.
Oggi ‘
il Moneyval, l’Europa, la Banca d’Italia,
gli investigatori,
i magistrati, stanno stringendo il cerchio e premendo per ottenere dal Titano regole meno stravaganti, più efficaci, meno favorevoli alla finanza grigia
‘, ha scritto
Lionello Mancini su IlSole24Ore.
È lo stesso Mancini a darne la spiegazione: ‘da decenni i cittadini del Titano si affidano a un ristretto gruppo di notabili che si alternano ai vertici di partiti, istituzioni e burocrazie; una pattuglia di gestori della cosa pubblica saldamente ancorato alle leve del solo potere reale e riconosciuto: quello del denaro.
Parole gravissime che non si sarebbero mai volute sentire da un giornale così rappresentativo della opinione pubblica italiana. Un secolo e mezzo fa la Repubblica di San Marino fu graziata dal processo di unificazione della penisola perché un
Capo del Governo come Bettino Ricasoli sostenne: San Marino, per gli italiani, ‘è una repubblica, che va serbata come un prezioso ed antico cammeo’.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy