San Marino. No Sepa, Bankitalia e Abi. Clarizia e Giannini

I vertici della Banca Centrale della Repubblica di San Marino  hanno cominciato le audizioni delle forze politiche locali cominciando da quelle di opposizione.

A condurre il  presidente Renato Clarizia e  il direttore generale Mario Giannini

Si legge fra l’altro  in un lancio della Agenzia Dire: Senza entrare poi nello specifico di date e tempi si sono affrontate la
questione del Sepa e del memorandum d’intesa da sottoscrivere con Palazzo Koch.
Nel primo caso dovrebbe arrivare una risposta definitiva sull’ingresso entro la
fine dell’anno. “Da parte sammarinese e’ stato infatti fatto quanto c’era da
fare e ora dipende da Bankitalia e dall’Abi, il nostro referente con
l’Europa
“.     Per il memorandum sono invece in corso i tavoli di lavoro sempre
con l’ente di vigilanza italiano e “molto dipende dalla black list”
.

Leggi l’intero resoconto dell’Agenzia Dire

Leggi anche

San Marino tornato esempio di protettorato in Europa. Caso Sepa

Con Sepa emerge il percorso di distruzione della sovranità

San Marino fuori dal Sepa. Cioe’ fuori dall’Europa e dal mondo che conta

 

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy