San Marino. Partito Socialista; interpellanza chiusura passo a raso Borgo Maggiore.

Da tempo la nostra superstrada è oggetto di molteplici interventi, che vanno al di là della semplice manutenzione stradale. Dopo la realizzazione di rotatorie, la superstrada è stata presa di mira (visti anche i recenti episodi di incidenti) per valutare la chiusura dei passi a raso. Infatti se ne è parlato recentemente anche in Commissione per il Territorio, con riferimento al passo a raso di Domagnano, all’altezza del bivio per Torraccia.

Sottolineo, -come già detto in Commissione per il Territorio, che la sicurezza stradale è un elemento di grande importanza e deve essere data la dovuta attenzione da parte delle Istituzioni e degli stessi cittadini-, quanto sia necessario individuare e mettere in campo le possibili e migliori soluzioni per dare risposte concrete a questa tematica.

Non intendo ribadire le riflessioni avanzate in seno alla commissione, la quale ha comunque preso ulteriore tempo in merito al passo a raso di Domagnano. Penso, inoltre, che sia utile prendere in considerazione tutto il tratto stradale, dal Confine di Stato fino al Castello di Borgo Maggiore e solamente dopo intervenire puntualmente sulle scelte definitive.

La chiusura del passo a raso di Borgo Maggiore, la quale è avvenuta all’insaputa di tutti, almeno così risulta dal tanto vociferare e lamentele sentite e scritte, non per ultime quelle avanzate dalla stessa Giunta di Castello, è stato un intervento svolto in sordina, e non se ne capisce il motivo, un intervento che divide il Paese in due e soprattutto un intervento che forse creerà altre problematiche.

Pertanto interpello il Governo per conoscere:

chi o quale organismo ha deciso l’immediato intervento di chiusura;
se corrisponde al vero che la stessa Giunta di Castello di Borgo Maggiore e la Segreteria di Stato competente siano state tenute allo scuro di tale decisione;
se chi ha preso tale decisione ha valutato attentamente se tale chiusura possa produrre differenti difficoltà di circolazione;
se chi ha preso tale decisione non riteneva prima più utile procedere in altra forma, attraverso l’individuazione di diversi accorgimenti che possano rappresentare una migliore visibilità del passo ed una maggiore sicurezza del tratto stradale.

 

San Marino, 2 settembre 2013                                      Paride Andreoli

                                                                              Pres. Gruppo Consiliare

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy