San Marino. RF: “porta a porta rifiuti e pediatria ennesime incoerenze di Rete”

RF: “porta a porta rifiuti e pediatria ennesime incoerenze di Rete”

Sul Pap vanno valutati i dati “e dicono che nei castelli dove viene effettuato, la differenziata è oltre il 70%. Tornando indietro rischiamo l’osso del collo

Gestione dei rifiuti e pediatria, due ambiti sui quali pone l’accento Repubblica Futura da un lato per contestare le scelte del governo, anche al limite della violazione di legge, sia per evidenziare le contraddizioni soprattutto del movimento Rete.
“Nella Commissione competente il Segretario di Stato al Territorio, Stefano Canti, ha detto la raccolta porta a porta è o ormai tramontata. Non siamo d’accordo con questa dichiarazione – afferma Sara Conti di Rf – non per schierarsi a favore o contro in maniera preconcetta, semplicemente perché quando si parla di rifiuti occorrerebbe analizzare i dati, cosa che non è stata fatta. La posizione è ideologica, quindi. La Dc, d’altra parte, negli ultimi tempi non ha mai nascosto di essere contraria al progetto del porta a porta, partito tra l’altro nella legislatura 2012-2016, quando la delega all’Aass era in capo a Teodoro Lonfernini. Ora che sono stati spesi milioni di euro nell’attuazione del porta a porta, di decide di tornare indietro. (…)

Tratto da L’informazione di San Marino

Leggi l’articolo integrale di Rete pubblicato dopo le 23

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy