San Marino. Rigenerazione dei beni comuni: nasce una collaborazione tra cittadini e istituzioni

“Il 12 luglio u.s. il Congresso di Stato ha approvato il Regolamento che disciplina un aspetto dell’agire sociale dei cittadini sammarinesi, frutto di un percorso d’innovazione che avvicinerà la Repubblica di San Marino a quelle che sono le best practice internazionali in materia di cura, rigenerazione e gestione dei beni comuni”.

Lo riferisce la Segreteria di Stato per il Territorio. “Negli ultimi anni, si sono moltiplicate in tutto il mondo forme ed esperienze di amministrazione condivisa, capaci di fornire risposte concrete ad un ampio numero di istanze provenienti dalla società civile e volte alla valorizzazione del patrimonio pubblico secondo logiche inclusive, capaci di produrre nuove utilità rispondenti ad interessi generali. Interessi che, grazie al nuovo regolamento, cittadini e istituzioni potranno scegliere di perseguire congiuntamente, attraverso il dialogo e la collaborazione, dimostrando come l’interesse pubblico possa e debba cessare di essere una prerogativa statale, per aprirsi ad una più proficua collaborazione con la comunità degli amministrati.
Il nuovo Regolamento per la cura, la rigenerazione e la gestione dei beni comuni urbani sarà in particolare uno strumento che consentirà alle Istituzioni stesse, intese come Segreterie di Stato, Giunte di Castello o uffici competenti della Pubblica Amministrazione, di sostenere e valorizzare le azioni di cittadinanza attiva. Potranno essere proposte azioni di cittadinanza attiva volte alla cura e alla rigenerazione dei beni comuni urbani sia da parte di associazioni e cooperative, ma anche da gruppi informali di cittadini e singoli cittadini.
Il patto prevede semplificazioni burocratiche o agevolazioni per le persone e le associazioni che vorranno prendersi cura dei beni comuni. I cittadini che intendono realizzare interventi di cura, pulizia, gestione condivisa e rigenerazione del verde e di beni pubblici, potranno presentare la loro domanda di collaborazione secondo un modello che verrà messo a disposizione sul portale della Pubblica Amministrazione.

Il regolamento prevede differenti livelli di intensità e complessità delle azioni di progetto condiviso, in particolare la cura può essere occasionale oppure costante e continuativa.

Attraverso i “Patti di Collaborazione” i cittadini attivi potranno intervenire con azioni di cura quali:
apertura, chiusura e cura piccole manutenzioni di parchi e giardini;
Rigenerazione di spazi degradati o abbandonati;
Piccoli interventi di pulizia e manutenzione per rendere fruibili spazi degradati;
Abbellimento di muri o spazi;
Percorsi di sostegno per favorire la crescita di comunità educanti con le scuole, la gestione condivisa di biblioteche e altri servizi pubblici;
Riusi temporanei di spazi o edifici pubblici non utilizzati o sotto utilizzati.

Anche nella Repubblica di San Marino è lungo l’elenco delle associazioni che, da decenni, si prendono cura di luoghi pubblici e collaborano con le Istituzioni affinché gli stessi non versino in condizioni di degrado: un grande contributo che, finalmente, avrà un proprio sistema normativo.
Stefano Canti (Segretario di Stato per il Territorio e l’Ambiente): “La domanda di cittadinanza attiva è in costante e continuo aumento e va sostenuta attraverso azioni di sostegno costruite sulla fiducia nei cittadini e non sull’esercizio dell’autorità. Per questo esprimo viva soddisfazione per l’approvazione di questo regolamento che andrà a incrementare, in maniera progressiva, il potere delle libere associazioni di cittadini sammarinesi, sulla base del concetto quanto mai centrato che i beni comuni sono un patrimonio di tutti noi”.

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy