San Marino Rimini. Daniele Balducci sta in carcere e senza difensori

Il Resto del Carlino riferisce le ultime vicende del commercialista Davide
Balducci
  che agiva in quel di Rimini, avendo ben presente il sistema San Marino

Il giudice. Respinta la richiesta di arresti domiciliari / «Anche se ha confessato
Balducci deve restare in carcere»
/ La smentita del commercialista
ha portato i legali
a rinunciare al mandato

DAVVERO i guai non finiscono più
per il commercialista Daniele Balducci
in carcere da marzo con una marea di
accuse che vanno dal riciclaggio alla
corruzione in atti giudiziari alla truffa
ai danni dello Stato. Il gip Fiorella Casadei
ancora una volta ha rigettato la richiesta
di arresti domiciliari. E non è
ancora tutto. Ieri, dopo le secca smentita
che il professionista ha fatto alla
stampa circa la confessione che ha reso
agli inquirenti sui reati che gli vengono
contestati e su altri da lui spontaneamente
riferiti, i suoi avvocati hanno rinunciato
al mandato. Massimiliano
Cornacchia e Alessandro Petrillo da ieri
non sono più i difensori di Balducci.
Il gip argomenta la sua ordinanza di rifiuto
dei domiciliari dicendo che l’atteggiamento
collaborativo dell’indagato
l’11 settembre scorso davanti al pm
Davide Ercolani «non appare in sè direttamente
in grado di incidere sulle
esigenze cautelari tuttora stringenti,
tenuto conto della obiettiva gravità dei
fatti e soprattutto della circostanza,
piuttosto allarmante, che vi siano plurimi
fatti-reato non ancora venuti alla luce,
nonostante le approfondite indagini
della Pg , così che è urgente e necessario
garantire una genuina acquisizione
delle prove in relazione a tali fatti
‘inesplorati’».

(…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy