San Marino ritorna al Principe Sovrano

La Repubblica di San Marino non si distingue solo per essere pecora nera a livello mondiale nella lotta alla corruzione, per essere riprecipitata alla condizione di protettorato, ma anche per essere tornata ad essere retta da un Principe Sovrano, come – in parte, solo in parte – prima del 1906.

Lo dimostra ad  esempio il non accesso dei cittadini agli atti del Consiglio Grande e Generale, che, fra l’altro, non vengono nemmeno digitalizzati. 

E’ di questi giorni la notizia che il Consiglio ha trattato in seduta segreta l’erogazione di una somma pari  a quasi un terzo del bilancio annuale dello Stato a favore di furfanti del settore bancario di cui non sono emersi nemmeno i nomi e di cui non è previsto il recupero, sulla scia di quanto avvenuto per Banca del Titano.

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy