San Marino. Riuniti in assemblea i dipendenti del settore banche

Riuniti in assemblea i dipendenti del settore banche

 

RSM 21 09 2018 – I Dipendenti del settore bancario sammarinese, si sono riuniti in Assemblea nel pomeriggio del giorno 21 Settembre 2018 presso il Teatro Concordia di Borgo Maggiore, alla presenza delle OO.SS. e delle Rappresentanze Sindacali Aziendali: la partecipazione dei lavoratori è stata rilevante, così come sono stati numerosi ed interessanti gli spunti di riflessione emersi dal dibattito.

Dopo gli approfondimenti dei Segretari delle OO.SS., preso atto e condivise le relazioni e gli interventi esposti da parte degli stessi, i Dipendenti hanno condiviso i seguenti punti di attenzione e di criticità, riguardo ai quali verrà chiesto un immediato incontro con il Congresso di Stato, alla presenza delle OO.SS. e delle RSA aziendali.

I Dipendenti del settore bancario sammarinese, riuniti in Assemblea:

esprimono forte preoccupazione riguardo alla mancanza di un progetto di rilancio del comparto bancario e finanziario che scaturisca dalla più ampia ed approfondita condivisione, mediante un confronto costante e continuo con le Organizzazioni Sindacali e con i lavoratori del settore;
evidenziano rilevanti perplessità riguardo a tempi e modalità di riorganizzazione del sistema bancario, che vengano studiati ed imposti, senza la necessaria trasparenza ed approfondita condivisione, da parte di Banca Centrale o Fondo Monetario Internazionale con l’avallo del Governo;
auspicano che il progetto di rilancio e sviluppo del settore bancario sia compatibile con la salvaguardia dei livelli occupazionali attuali e debba prevedere percorsi di riqualificazione e di formazione, anche di elevato livello professionale nonché strumenti straordinari per la gestione delle problematiche occupazionali e per accompagnare i dipendenti bancari nell’approccio con le nuove sfide dei prossimi anni;
stigmatizzano la costante presenza sugli organi di informazione di dati e notizie – spesso imprecise e fuorvianti – che riguardano le aziende del settore bancario sammarinese, che hanno come unico deprecabile risultato la ulteriore perdita di fiducia da parte della Clientela sammarinese e forense nel nostro “sistema Paese”;
ritengono indispensabile, in un ottica di sobrietà più volte richiesta da parte dell’ABS e delle Banche quale elemento necessario al rilancio del sistema bancario, che si inizi ad intervenire immediatamente e concretamente ridimensionando gli emolumenti ed i benefit, compresi i rimborsi di qualsiasi genere, percepiti dai dirigenti, dai livelli apicali e dai membri dei Consigli di Amministrazione delle banche sammarinesi;
ribadiscono che si dovrà provvedere a valorizzare, formare ed utilizzare proficuamente le risorse professionali interne; parallelamente si dovrà intervenire riducendo tempestivamente il ricorso alle continue consulenze esterne – molto spesso forensi, non sempre indispensabili e spesso di dubbia utilità – nonché alla immediata riduzione delle rilevanti somme fino ad oggi spese per le stesse;
ribadiscono inoltre la disponibilità a continuare, con senso di responsabilità e disponibilità, il percorso di rinnovo del contratto di lavoro, inspiegabilmente arenatosi da alcune settimane dopo la richiesta delle OO.SS. – ad oggi inevasa – di essere portati a conoscenza dei piani industriali, delle linee di sviluppo e, più in generale, delle prospettive dei sistema bancario sammarinese; in tale contesto, nel corso degli incontri, è stata espressa la disponibilità a valutare sacrifici economici temporanei, controbilanciati da garanzie occupazionali e professionali;
evidenziano la necessità di attivare concrete e tempestive azioni di responsabilità nei confronti dei membri dei C.d.A. che hanno portato il sistema bancario sammarinese nell’attuale situazione di emergenza e di perdita di fiducia e che quanto prima si definisca l’incompatibilità qualora i membri dei C.d.A. delle banche siano anche grandi debitori delle stesse;
auspicano, rispetto alla gestione ed al recupero degli NPL – Non Performing Loans –che vengano privilegiate le soluzioni interne che prevedano l’impiego di professionalità sammarinesi, massimizzando le percentuali di recupero e valorizzando l’esperienza professionale sinora accumulata a tal riguardo; i progetti di gestione non potranno prescindere dalla più ampia condivisione e trasparenza sia sulle modalità che sul veicolo tecnico utilizzato;
stigmatizzano, rispetto alle annunciate integrazioni e/o fusioni aziendali, le modalità con cui si è dato avvio allo studio preliminare, peraltro utilizzando un unico advisor, privilegiando un percorso ad oggi non trasparente e né condiviso che potrebbe comportare, tra l’altro, il rischio di rilevanti criticità occupazionali e di impatto sulla Clientela;
chiedono di attivare con la massima celerità tutte le riforme necessarie per semplificare ed efficentare le norme e le leggi che regolamentano il sistema bancario sammarinese, introducendo anche le modifiche di Legge per rendere più agevole, veloce e redditizio il recupero degli NPL;
denunciano il tentativo posto in essere dal Governo di bypassare i contratti collettivi di lavoro esistenti – in particolare quelli del settore industria e banche – con la proposta di tagli economici alle retribuzioni introdotti per legge a carico delle società controllate , in spregio alle regole ed ai diritti dei lavoratori;
rinnovano il mandato alle OO.SS. per ribadire in tutti i tavoli di confronto la necessità imprescindibile della massima trasparenza e della più approfondita condivisione dei progetti di rilancio e sviluppo del sistema bancario sammarinese, avendo come obiettivo prioritario la valorizzazione delle professionalità e dei livelli occupazionali esistenti.

San Marino, 21 Settembre 2018

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy