San Marino. Sinistra Unita a sostegno dei dipendenti dell’Ente Poste

Intervento di Sinistra Unita a sostegno dei dipendenti dell’Ente Poste.

La Direzione, il Consiglio di Amministrazione e il Segretario di Stato alle Poste, non si sono preoccupati né di informare né tantomeno di coinvolgere i diretti interessati: i lavoratori che mandano avanti il servizio e che non sanno cosa sarà di loro. È una mancanza grave non aver minimamente coinvolto i dipendenti nel processo di trasformazione dell’Ente, che rivela un’impostazione verticistica, da padre padrone. La privatizzazione dell’Ente in S.p.A. mette a rischio le garanzie non solo dei dipendenti precari, che potrebbero addirittura perdere il posto, ma anche degli stabilizzati che molto probabilmente da qui a qualche tempo subiranno un giro di vite sia sulla retribuzione che sulle condizioni lavorative. La giustificazione è sempre la stessa: privatizzare porta maggiore efficienza e minori costi. L’antifona ormai la conoscono tutti. Ma sono pochi quelli che ci cascano. Il piano che il governo sta mettendo in atto è sotto gli occhi di tutti: privatizzazioni, tagli allo stato sociale, dismissione dei beni collettivi. Le bordate pesano sulle vite dei sammarinesi in misura insostenibile, già messi a dura prova dall’aumento delle tasse e dall’aumento vertiginoso della disoccupazione. (…)

Leggi il comunicato Sinistra Unita

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy