San Marino. Stiven Ciacci intervista Federico Pedini Amati, MD Smi. La Serenissima

Stiven Ciacci La Serenissima: L’INTERVISTA. Parla di programmi, alleanze e futuro l’esponente del neonato Movimento democratico San Marino insieme / Federico Pedini Amati / “Noi in coalizione con Rete per avere le istituzioni più vicine alle persone
. Le porte sono aperte a tutti coloro che non sono legati 
al passato sommerso della politica affaristica” / Sinistra Socialista Democratica
“Li vedo male. Ci siamo accorti subito
che prevalevano comandi dettati dall’esterno
invece di ragionare sul futuro del Paese

Consigliere Federico Pedini
Amati circa 15 giorni fa è nato
il nuovo Movimento Democratico
San Marino Insieme di cui
lei fa parte, ci dica qualche cosa
in più su questa nuova forza.
Il Movimento Democratico – San
Marino Insieme è un progetto
politico prima ancora di essere
un movimento, che ha l’ambizione
di parlare alla gente e con
la gente, fuori dal politichese.
Come Sammarinesi siamo alle
prese con una situazione molto,
molto difficile. I questi momenti
a contare, più che il colore politico,
l’esperienza o la non esperienza,
è il legame col Paese. La
nostra porta è aperta tutti coloro che ci tengono davvero a San
Marino.


Oltre a lei all’interno del movimento
ci sono anche Luca
Lazzari, Alessandro Rossi,
Massimo Valentini, Augusto
Gasperoni, Agostino e Tarcisio
Corbelli, Emanuele Santi, Alberto
Zafferani, Caterina Morganti,
Pietro Faetanini, Lazzaro
Rossini e tante altre persone.
Tante persone provenienti da
partiti differenti, come avete
fatto a cucire un’alchimia fra di
voi?

È semplice: 1) non abbiamo dogmi;
2) siamo persone libere. Ragioniamo
insieme sulle cose da
fare. Le ideologie, i preconcetti,
così come i poteri forti, stanno dividendo da troppo tempo il
Paese, stanno togliendo forza
e credibilità ad una azione comune
sulle cose importanti da
portare avanti. E poi mi consenta
di dire che i partiti cosiddetti
“tradizionali” hanno perso la
loro scommessa nel momento in
cui non hanno voluto accettare e
prendere atto di una nuova/buona
politica fatta dai movimenti.


Quali sono le motivazioni che
l’hanno e vi hanno spinti verso
questo progetto?
(…)

 

Leggi l’intera intervista pubblicata dopo le 23

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy