San Marino: subito riforma fiscale

Oggi si riunisce, a San Marino,  il Congresso di Stato. Sono state fatte diverse ipotesi sui temi all’ordine del giorno. Fra queste non c’è la più importante: la calendarizzazione della riforma fiscale.

La riforma fiscale  non può non essere il primo impegno del governo sammarinese nel prossimo anno, vista la iniquità della finanziaria varata – si è detto – in tutta fretta per non pregiudicare il bilancio dello Stato

Come primo passo andrebbe da subito tolto il paravento delle fiduciarie sugli assetti delle società in modo da abolire effettivamente l’anonimato societario, così da creare la premessa affinché tutti i redditi emergano ovunque e dovunque prodotti.

In parallelo va sancito da subito l’obbligo, per chi in regola non è, della iscrizione a catasto degli immobili con l’indicazione delle proprietà effettive, recuperando la sciagurata decisione di non affiancare  il censimento della popolazione  col censimento edilizio.

Insomma i governanti devono dimostrare a tambur battente di aver troncato ogni rapporto con il sottobosco politico affaristico che costituisce il vero problema di questo paese e all’interno e verso l’esterno.

Altrimenti potrebbe di nuovo  succedere quello che è successo in occasione dell’ultimo sciopero generale: qualcuno dei consiglieri ha deciso, senza pensarci troppo, di abbandonare Palazzo Pubblico utilizzando le uscite secondarie. Idem dicasi per alcuni Segretari di Stato, tra l’altro consigliati dalla Gendarmeria, per la loro sicurezza personale, di non passare assolutamente dall’ingresso principale ( Corriere Romagna – San Marino).

 

Previsioni meteo di N. Montebelli  

Vignette di Ranfo

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy