San Marino. Svolta storica: San Marino fuori dalla black list. Corriere Romagna

Patrizia Cupo – Corriere Romagna: Svolta storica per il Titano
è caccia agli investimenti
«Scocca l’ora del rilancio»

SAN MARINO. La repubblica di San Marino non è più nella “black list” fiscale, ossia nell’elenco contenuto all’articolo 1 del decreto del ministero alle finanze italiano del 4 maggio 1999. E’ stato il ministro al tesoro Fabrizio Saccomanni, mercoledì sera, a firmare il nuovo corso del Titano: un «passo fondamentale per la piena normalizzazione delle relazioni economiche e finanziarie tra i due Paesi», annunciava la nota del Mef, mercoledì sera. Due gli elementi determinanti, recita il comunicato, che hanno reso possibile l’espunta di San Marino dalla lista nera: la ratifica della convenzione contro le doppie imposizioni, con l’adeguamento sostanziale del quadro normativo sammarinese ai più elevati standard internazionali in materia di trasparenza e scambio di informazioni, e la riforma fiscale che persegue «l’obiettivo di un recupero dell’efficienza nel prelievo tributario che lo avvicina a livelli italiani». Il segretario di Stato agli Esteri Valentini scrive alla Farnesina: «Grazie, questo costituirà un innesto di fiducia in tutti i settori della vita sociale ed economica del nostro Paese». Il governo sammarinese: «Oggi le nostre imprese possono guardare al futuro». Soddisfatto anche Pierferdinando Casini, presidente della commissione esteri del Senato: «Si apre un nuovo percorso di cooperazione basato sulla trasparenza e sulla collaborazione reciproca dei sistemi economici e finanziari». (…)


Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy